Accesso rapido

Domenica, 25 Settembre 2022

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Consorzio Parsifal presenta FIBER

Ultimi 10 commenti

Diploma di maturità 29-01-2021, ore 21:48 scritto da Annamaria Napoletano
Tutto vero 05-04-2020, ore 14:17 scritto da Leopoldo
Grazie❤️ 20-03-2020, ore 15:31 scritto da Anna Di Maio
operatrice infanzia 05-10-2019, ore 11:41 scritto da simona
Terza Media 13-09-2019, ore 20:59 scritto da Ba Mahamadou
Informazioni 02-09-2019, ore 23:08 scritto da Giada
O. S. S. 26-05-2019, ore 09:16 scritto da Maira Natalizia
Donna 23-04-2019, ore 00:00 scritto da Valentina Pesoli
.. 26-02-2019, ore 17:43 scritto da White
Re: Richiesta servizio 30-01-2019, ore 12:23 scritto da Renato

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Latina - Coprogettazione Welfare: Parsifal risponde all′Assessora Pierleoni

Abbiamo letto le precisazioni dell’Assessora al Welfare del Comune di Latina Francesca Pierleoni sulle sentenze al Tar che hanno esaminato e accolto il nostro ricorso relativo ai bandi di coprogettazione indetti lo scorso novembre e ci sentiamo anche noi in dovere di fornire alcune spiegazioni.

Al di là delle ragioni di difesa dei nostri interessi diretti, a farci decidere di impugnare gli atti amministrativi del Settore Welfare è stata la volontà di dirimere questioni fondamentali che incidono sulla qualità delle relazioni tra pubblica amministrazione ed enti del terzo settore.

Quegli atti amministrativi del Settore Welfare, si ricorderà, sono stati immediatamente contestati dal Forum del terzo settore del Lazio, da Legacoopsociali Lazio e da Agci Solidarietà Lazio, organizzazioni che, rappresentando localmente gli enti del terzo settore, hanno chiesto di ritirare i bandi ed esposto in dettaglio le loro ragioni (dal nostro punto di vista assai condivisibili). 

D′altro canto il Settore Welfare non ha ritenuto per nulla valide quelle ragioni, di riflesso ha esposto, punto per punto, le proprie, e ha deciso di continuare, a buon diritto, per la sua strada. 

Stando così le cose, gli unici che potevano chiedere il giudizio qualificato di una parte terza - la cui competenza ricade sul Tar - eravamo noi.
È per questo motivo che, con molta convinzione, abbiamo proposto i ricorsi. La convinzione è stata confortata dalle sentenze, visto che i giudici di Latina hanno ritenuto fondato già il primo dei nostri reclami, considerandolo - come si dice in gergo giuridico - assorbente.

Ora, il fatto che si sia presentato il ricorso in qualità di capofila della costituenda Ati, senza l’adesione formale della consorziata Astrolabio, si deve unicamente a ragioni di tempestività. 
Vale la pena ricordarlo: il Settore Welfare ha dato tempo solo 8 (otto) giorni agli enti del terzo settore per produrre proposte progettuali, definite fino al minimo dettaglio, per realizzare servizi del valore di 11 (undici) milioni di euro. Ha poi impiegato solo 2 (due) giorni per valutarle e per stabilire a chi assegnare i finanziamenti. E ha dato altri 2 (due) giorni, subito dopo l′aggiudicazione, per effettuare i cambi di gestione e avviare i nuovi contratti.

In parallelo, come l’Assessora Pierleoni sa, abbiamo sostenuto fattivamente Forum, Legacoop e Csv nell’organizzazione del seminario su questi stessi temi. Il seminario si è tenuto il 25 febbraio proprio a Latina e ha visto intervenire relatori ed esperti di calibro nazionale, che hanno esposto considerazioni profonde e articolate su tematiche effettivamente complesse.

In quell’occasione l’Assessora ha annunciato l’istituzione di un tavolo per predisporre, insieme al terzo settore, il mondo del volontariato e i diversi attori sociali presenti sul territorio, un regolamento comunale e distrettuale che faccia maggiore chiarezza sui processi di coprogrammazione, coprogettazione e gestione dei servizi in ambito locale.

Ribadiamo anche in questa sede la nostra piena adesione alla proposta di Pierleoni e crediamo che le sentenze dei giudici di primo e secondo grado non possano che contribuire a delineare con più chiarezza una cornice utile a tutti - pubbliche amministrazioni ed enti del terzo settore - sugli istituti della coprogrammazione e della coprogettazione che, tanto a livello nazionale quanto a livello locale, hanno in questo momento bisogno di essere sperimentati e compresi a pieno dalle parti interessate.


Tag associati

Commenti

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...