Accesso rapido

Domenica, 14 Luglio 2024

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Consorzio Parsifal presenta FIBER

Ultimi 10 commenti

Info 27-12-2022, ore 17:40 scritto da Roberto
Diploma di maturità 29-01-2021, ore 21:48 scritto da Annamaria Napoletano
Tutto vero 05-04-2020, ore 14:17 scritto da Leopoldo
Grazie❤️ 20-03-2020, ore 15:31 scritto da Anna Di Maio
operatrice infanzia 05-10-2019, ore 11:41 scritto da simona
Terza Media 13-09-2019, ore 20:59 scritto da Ba Mahamadou
Informazioni 02-09-2019, ore 23:08 scritto da Giada
O. S. S. 26-05-2019, ore 09:16 scritto da Maira Natalizia
Donna 23-04-2019, ore 00:00 scritto da Valentina Pesoli
.. 26-02-2019, ore 17:43 scritto da White

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Mettiamoci in gioco - STOP agli spot sul gioco d′azzardo


«Il divieto assoluto di pubblicità del gioco d’azzardo e l’uso della tessera sanitaria per giocare sono due provvedimenti che permetterebbero davvero di incidere sulle principali criticità del fenomeno». Così, mercoledì 25 maggio a Roma, don Armando Zappolini, portavoce di "Mettiamoci in gioco", la Campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo, ha esposto il fulcro delle azioni da mettere in campo contro il dilagare di una pratica ben poco ludica e che sfocia spesso nel GAP, il Gioco d′azzardo patologico.

Durante la conferenza stampa, cui hanno partecipato anche il deputato Pd Lorenzo Basso e il senatore M5S Giovanni Endrizzi, sono state presentate due proposte per mettere un freno, oltre alla dipendenza da gioco, anche al riciclaggio che si registra nel settore.

In primo luogo, la Campagna - nata nel 2012 per sensibilizzare l′opinione pubblica e le istituzioni sul gioco d′azzardo e sulle sue ripercussioni sociali, sanitarie ed economiche - ritiene che i limiti alla pubblicità del gioco d’azzardo, recentemente approvati in Parlamento, rappresentino solo un primo passo e chiede che, per la sua pericolosità sociale, la pubblicità di questi giochi sia vietata in modo assoluto. Per questo, sul sito della Campagna saranno attivi due timer relativi ai disegni di legge che prevedono tale divieto, disegni presentati rispettivamente il 15 luglio 2015 alla Camera dei deputati da Basso e il 27 luglio 2015 al Senato da Endrizzi. I timer scandiranno i giorni che passano senza veder approvati questi disegni di legge.

In secondo luogo, la Campagna propone l′utilizzo della tessera sanitaria come condizione necessaria per accedere al gioco. Ciò avrebbe diversi e rilevanti vantaggi: innanzitutto, ridurrebbe fortemente l’accesso dei minorenni al gioco d’azzardo; poi, permetterebbe di tracciare i flussi finanziari, dando un colpo durissimo al fenomeno del riciclaggio; infine, consentirebbe di escludere dal gioco le persone dipendenti che dichiarano una tale volontà oppure ne sono obbligati dall’autorità giudiziaria.

«Certamente - ha continuato don Armando Zappolini -, sarebbe necessario che Parlamento e Governo si impegnassero realmente e urgentemente per approvare una legge quadro di regolamentazione del settore. Nell’attesa, durata già troppo, si potrebbe cominciare con queste due innovazioni, che – lo sottolineiamo – non comportano alcun onere per le casse dello Stato».

Alla campagna "Mettiamoci in gioco" aderisce, accanto alle diverse associazioni e organismi, l′associazione ALI per Giocare.

Fonte: Comunicato

Tag associati

Commenti

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • I cura cariI cura cari

    Un romanzo poetico: allo stesso tempo un romanzo-pugno e un romanzo-carezza. Ma - aggiungiamo - anche un...