Accesso rapido

Venerdì, 16 Novembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional
K t fai? 19-06-2018, ore 11:43 scritto da post-emoboy
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 17:52 scritto da Luca
13 GIUGNO 13-06-2018, ore 16:00 scritto da CLAUDIA
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Troppo comodo 28-05-2018, ore 20:17 scritto da Angelo
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Servizio Civile - I volontari raccontano: le nuove tappe

Cogliamo l’occasione dell’apertura del bando volontari MIPAAF - in scadenza il prossimo 5 febbraio 2018, come ricordato in una precedente nota - per riprendere il nostro viaggio di conoscenza attraverso le esperienze di servizio civile dei nostri volontari. Torniamo oggi alla “Fattoria di Alice” di Viterbo, sede del progetto “BIO - Benessere, Inclusione, Orientamento” della cooperativa socia Alicenova, dove operatori specializzati affiancati da volontari in servizio civile offrono l’opportunità a persone con disabilità di intraprendere un percorso terapeutico-riabilitativo di agricoltura sociale. Ma cosa vuol dire prestare servizio all′interno di realtà come queste? Lo abbiamo chiesto proprio a due volontarie, Arianna e Letizia, che ci hanno raccontato il loro operato quotidiano e le loro esperienze a stretto contatto con persone diversamente abili. 


Abbiamo iniziato chiedendo a entrambe cosa le abbia spinte a scegliere questo progetto di servizio civile. Per Arianna non si tratta di un’esperienza del tutto nuova, avendo svolto già un tirocinio universitario in fattoria. Secondo lei, lavorare circondati dalla natura può contribuire in modo importante al benessere emotivo e fisico delle persone coinvolte nel progetto. Letizia ha deciso di intraprendere questo servizio non solo in ottica lavorativa, ma anche formativa. 


Sia Arianna che Letizia sono inoltre concordi nell’affermare che le loro aspettative circa lo svolgimento del Servizio Civile hanno trovato riscontro nelle attività che svolgono in fattoria. È soddisfacente per Arianna notare di essere apprezzata e accettata nella realtà della disabilità, così come per Letizia, che ogni giorno sente di ricevere qualcosa in più a livello personale. 


Essendo Arianna una studentessa di Scienze e Tecnologie per la Conservazione delle Foreste e della Natura, le competenze che sta acquisendo (nell’ambito del rispetto ambientale e dell’agricoltura biologica) sono, a suo parere, sia utili che attinenti al suo percorso di studio. Dello stesso parere è anche Letizia, che apprezza le competenze professionali acquisite grazie all’agricoltura sociale e alle attività di laboratorio in cui avviene la trasformazione delle materie prime. In più, grazie all’interazione con le ragazze dello SVE (Servizio Volontario Europeo), ha l’opportunità di perfezionare le lingue studiate, in particolare l’inglese, il tedesco e il russo. Allo stesso modo, anche le volontarie europee -provenienti da Germania, Portogallo, Russia e Ungheria- che prestano servizio per un anno presso la cooperativa Alicenova, alternandosi in tre progetti apprendono competenze professionali e migliorano la propria conoscenza della lingua italiana, arricchendosi naturalmente anche dal punto di vista personale. 


Ma in cosa consiste la loro attività? Letizia spiega che in fattoria, a rotazione e a seconda del periodo dell’anno, si svolgono numerose mansioni, dalla formazione professionale in negozio o in laboratorio, alla cura degli animali e alla manutenzione del verde. Arriva poi il momento della raccolta e delle rispettive attività ad essa legate, come la vendemmia, la raccolta delle olive, la potatura e la semina, o il rapporto con i Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.). 


Arianna e Letizia ci hanno poi raccontato di come operare a stretto contatto con persone con disabilità le stia aiutando a crescere personalmente oltre che professionalmente. Nel caso di Arianna, rapportarsi ogni giorno con situazioni nuove e differenti le sta permettendo di conoscere sempre meglio se stessa. Anche Letizia si sente ormai parte integrante di una famiglia che le regala quotidianamente un bagaglio di esperienze preziose e stimolanti. 


Abbiamo poi domandato alle volontarie quali siano le loro aspettative per il prossimo futuro ed entrambe hanno espresso il desiderio di poter proseguire la loro carriera lavorativa in questo settore, a stretto contatto con “questa parte della società che spesso viene dimenticata da molti”


Per concludere la nostra breve intervista abbiamo chiesto ad Arianna e Letizia di parlarci di un aneddoto o un’esperienza particolarmente toccante che pensassero potesse racchiudere il significato più autentico dell’esperienza che stanno vivendo. Arianna ci ha raccontato di un’occasione in cui un ragazzo che “non parlava mai con nessuno” le si è avvicinato, iniziando a raccontarle tutte le sue emozioni riguardo al Natale, senza fermarsi per almeno una decina di minuti. In quella circostanza ha percepito di essere accettata nel contesto della Fattoria e dei ragazzi che la frequentano. Mettendosi nei panni di quel ragazzo disabile, ha capito di essere in quel momento per lui una persona amica, con cui parlare senza paura, senza il timore di essere giudicato o di non essere ascoltato davvero. Per Letizia, invece, anche soltanto i piccoli gesti della quotidianità racchiudono in se l’essenza della sua esperienza. “I saluti quando si arriva e quando si va via, i ‘confronti’ nelle giornate no, o anche il solo capirsi con uno sguardo”: questo è per lei l’esempio più grande del bel rapporto che si è instaurato tra lei e la comunità della Fattoria. 


Facciamo tesoro delle esperienze di Arianna e Letizia, con la consapevolezza che donare il proprio tempo, le proprie energie a qualcuno che ne ha reale bisogno continua ad essere un grande strumento di aiuto, di crescita personale ed una fonte inesauribile di esperienze uniche.


Notizie correlate

Servizio civile - Pubblicato il bando volontari MIPAAF


Info e contatti

Tel: 0775.835037

Email: serviziocivile@consorzioparsifal.it

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti della settimana

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...