Accesso rapido

Domenica, 29 Marzo 2020

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

operatrice infanzia 05-10-2019, ore 11:41 scritto da simona
Terza Media 13-09-2019, ore 20:59 scritto da Ba Mahamadou
O. S. S. 26-05-2019, ore 09:16 scritto da Maira Natalizia
Donna 23-04-2019, ore 00:00 scritto da Valentina Pesoli
.. 26-02-2019, ore 17:43 scritto da White
Re: Richiesta servizio 30-01-2019, ore 12:23 scritto da Renato
Richiesta servizio 06-01-2019, ore 11:23 scritto da Martina
Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional

contenuto

Progetto Volontariando
   Servizio Civile Nazionale
Servizio Civile Nazionale

Info sul servizio civile

Info sugli Enti riguardanti il servizio civile

Info utili ai volontari



Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Servizio civile – Laurea honoris causa a Pietro Pinna


L’Università di Pisa ha iniziato l’iter per il conferimento della laurea ad honorem in Scienze della pace a Pietro Pinna, uno dei primi obiettori di coscienza in Italia, che nel 1948 rifiutò di indossare la divisa per il servizio di leva obbligatorio e per questo scontò inizialmente una pena di otto mesi. Al termine della prima condanna venne chiamato nuovamente a rispondere al servizio di leva ma confermò il suo rifiuto e scontò una pena di dieci mesi. Queste condanne però non sostituivano il servizio di leva e il circolo vizioso dell’obbligo di leva e il conseguente rifiuto venne interrotto solo quando gli venne riscontratata un inesistente “nevrosi cardiaca” e per questo venne congedato. Pietro Pinna non fu il primo obiettore di coscienza per motivi non religiosi, infatti molti testimoni di Geova avevano già rifiutato l’obbligo a causa della loro confessione religiosa. Egli infatti credeva fermamente negli ideali non violenti del filosofo Aldo Capitini, segretario della Scuola Normale di Pisa, e credeva che la patria potesse essere difesa anche senza armi. La presa di posizione di Pinna fu fondamentale per smuovere le coscienze e iniziare un dibattito per chiedere l’istituzione di un servizio civile da svolgere al posto del servizio militare. Molti altri ragazzi seguirono l’esempio di Pinna fino a quando si arrivò al riconoscimento dell’obiezione di coscienza nel 1972 inizialmente come un beneficio e soltanto nel 1990 come un diritto. Pietro Pinna per tutta la sua vita si è occupato di non-violenza, insieme a Capitini ha organizzato la marcia per la pace tra Perugia e Assisi nel 1961 e ancora oggi, sebbene l’età, si preoccupa di far conoscere gli ideali di pace.
M.R.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...